Home / Eventi / Casa di accoglienza per familiari in carcere

Casa di accoglienza per familiari in carcere

Oggi alle 19 il vescovo mons. Calogero Peri inaugurerà alla presenza del presidente dalla Provincia Regionale di Catania, Giuseppe Castiglione, di autorità civili e militari, la Casa d’accoglienza per i familiari dei detenuti. Una struttura che sorge nei pressi della Casa circondariale di contrada Noce, a circa sei chilometri da Caltagirone, sulla strada per Niscemi. Si tratta di un manufatto realizzato mediante la ristrutturazione di un ex rudere a pochi metri dal complesso carcerario.

Ha lo scopo di accogliere i parenti dei detenuti che vengono da fuori Caltagirone, fornendo loro un luogo di ristoro durante le attese per i colloqui coi parenti reclusi. La realizzazione è stata possibile grazie all’impegno del direttore della Caritas diocesana, al contributo della Provincia Regionale di Catania e di tutte le comunità parrocchiali della Diocesi che in base alle proprie forze hanno contribuito. La Casa sarà gestita dalla Comunità religiosa delle Piccole Sorelle dell’Annunciazione.

Una significativa risposta alla drammatica domanda di quanti colpiti già per la reclusione di un proprio congiunto, si trovavano ad affrontare i problemi connessi con la distanza del complesso carcerario dalla città, peraltro con pochi collegamenti. Disagi che si accentuano nei periodi invernali e in quelli estivi. Si consideri anche, che per i congiunti residenti nell’area della Sicilia occidentale, era quasi sempre necessario arrivare un giorno prima e pernottare, per essere presenti nelle prime ore dei giorni destinati ai colloqui.

(Fonte: La Sicilia)

Check Also

Meeting diocesano Fondo Foti

Presentazione del Fondo Foti, dei progetti realizzati e delle nuove linee guida per il 4° …